Le Nazioni Unite a supporto dell’impiego di persone con autismo

Post was published at Le Nazioni Unite a supporto dell’impiego di persone con autismo by francescsistach in Senza categoria.


Oggi, 2 aprile, Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, l’ONU – che ha istituito questa ricorrenza nel 2008– è stata lo scenario di una giornata dedicata all’impiego di persone con autismo. Thorkil Sonne, fondatore di Specialisterne, ha partecipato a questa giornata ed alla sua pianificazione.

Si stima che più dell’80% di adulti con autismo non possiede un impiego. In Europa, secondo i dati di Autism Europe, questa percentuale va dal 76 al 90%. Ma indagini recenti suggeriscono che le imprese stanno perdendo la possibilità di usufruire delle abilità che le persone con autismo possiedono in modo più sviluppato rispetto ad altri lavoratori “neurotipici”, come quelle di individuazione di modelli, ragionamento logico o una maggiore attenzione per i dettagli.

Verso una società inclusiva

Già in occasione dell’evento, Ban Ki-moon ha lanciato una “Call to Action” per l’impiego, invitando le imprese e le amministrazioni pubbliche ad impegnarsi ad assumere persone con Disturbo dello Spettro dell’Autismo, a riconsiderare il modo in cui percepiscono queste persone e a dedicare il proprio tempo ad imparare a conoscere questa condizione, per creare opportunità che possono cambiare la loro vita. “Riconoscere il talento delle persone nello spettro dell’autismo, invece di soffermarsi sulle loro disabilità, è essenziale per la creazione di una società che sia realmente inclusiva”, ha dichiarato il Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Il keynote speaker, il Governatore di Delaware, Jack Markell, ha osservato che l’assunzione di persone con autismo non è solo una questione sociale, ma ha senso anche sotto un punto di vista economico, dato che queste persone possono apportare molto valore. Ha elogiato il cammino iniziato da Thorkil Sonne nel 2004, con la creazione di Specialisterne, e l’aver dimostrato al mondo che tutto ciò era possibile. Jack Markell ha appoggiato con decisione Specialisterne in occasione dell’apertura del suo primo ufficio negli Stati Uniti nel 2013.

Thorkil Sonne UN

Specialisterne

Thorkil Sonne ha sottolineato che oggigiorno molte imprese presentano posti liberi nell’ambito della tecnologia. Allo stesso tempo, “ci sono milioni di persone con autismo in cerca di un lavoro, ma in pochi lo hanno ottenuto”.

Nella ricerca di talenti, le imprese dovrebbero riconsiderare gli individui nello spettro dell’autismo, e applicare quattro valori di base nel loro ambiente di lavoro:

  • rispetto – siamo tutti diversi
  • adattamento – riconfigurare l’ambiente di lavoro a seconda dei bisogni dell’individuo volti al suo benessere
  • chiarezza – definire in modo chiaro le aspettative
  • accessibilità – fornire una guida in caso di dubbi

Thorkil, dopo aver mostrato un video sulla prospettiva delle persone con autismo nel cercare lavoro, ha sottolineato che solo con l’impegno combinato degli individui con autismo, delle famiglie, degli educatori, dei governi, dei legislatori, degli imprenditori sociali, delle ONG, delle fondazioni e dei filantropi, possiamo rendere reale la visione di un mondo in cui le persone abbiano le stesse opportunità nel mercato del lavoro. “Negli 11 anni in cui Specialisterne ha operato in 13 paesi e 4 continenti, abbiamo visto come la speranza di un impiego può trasformarsi in realtà in circostanze molto diverse”.

Il fondatore di Specialisterne ha aggiunto: “Il mio sogno è che quando torneremo a riunirci per celebrare la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo nel 2025, avremo raggiunto e superato l’obiettivo di creare un milione di posti di lavoroper questa parte della società.

Imprese che hanno raccolto la sfida

L’evento ha visto la partecipazione di diverse personalità, famose organizzazioni che si occupano dell’autismo (Autism Speaks, Autism Europe), università e un gruppo numeroso di imprese che -in molti casi, per mezzo di Specialisterne- hanno già cominciato a lavorare attivamente con persone nello spettro dell’autismo. Pertanto, hanno partecipato ed esposto la propria visione imprese come CAI, Ernst & Young, Freddie Mac, Hewlett-Packard, Microsoft, Oliver Wyman, Rising Tide Car Wash, SAP e Towers Watson.

La Prof.ssa Arlene S. Kanter, della Syracuse University, ha affermato che, invece di chiederci come la persona con autismo possa occuparsi di sé stessa, dovremmo domandarci in che modo la società dovrebbe cambiare per assicurare l’inclusione di persone con una qualche disabilità.

Il Prof. Rob Austin, della Copenhagen Business School, ha sottolineato che la nuova economia dell’innovazione richiede, come non mai, persone che pensino in modo diverso e che forniscano una prospettiva diversa.

Tanja Rueckert, della SAP, ha illustrato il suo programma di inclusione in collaborazione con Specialisterne ed altre organizzazioni, che ha portato all’assunzione di una donna di 56 anni come specialista nel controllo di qualità del software, alla creazione di 40 posti di lavoro per persone con autismo e all’intenzione di continuare a lavorare per portare a compimento l’obiettivo che l’1% del suo organico sia composto da persone nello spettro dell’autismo. Dopo aver impiegato con successo persone in Germania, Canada, Stati Uniti, India, Irlanda e Regno Unito, SAP vuole ora impiantare il suo programma “Autism At Work” in Brasile e Repubblica Ceca.

John Haley, della Towers Watson, ha sottolineato che il progetto pilota con 18 persone con autismo dedite all’analisi dei dati, è risultato un successo, con grandi contributi nel miglioramento dei processi.

Michael Fieldhouse, della Hewlett-Packard, e Mitch Levy, del governo australiano, hanno commentato il successo del loro“Dandelion Program”, realizzato in collaborazione con Specialisterne, che ha già permesso di incorporare 11 persone con autismo, con l’ambizione di integrarne molte di più entro la fine dell’anno.

Mary Ellen Smith, della Microsoft, impresa che già da 17 anni porta avanti un programma di inclusione, ha annunciato un progetto pilota con Specialisterne.

Jeremy Badman, della Oliver Wyman, ha affermato che i risulatati di un programma pilota simile con Specialisterne, per quanto riguarda mansioni come la gestione di dati, si sono rivelati eccellenti, e che la sua impresa di consulenza sta già analizzando nuovi tipi di mansioni destinate a persone nello spettro dell’autismo.

Ernie Dianastasis, dell’impresa di servizi informatici CAI, ha affermato che ciò che è stato apprezzato di più delle 35 persone con autismo tra i 18 e i 45 anni che lavorano alla CAI, è la loro “onestà, concentrazione, lealtà e il duro lavoro”. Dianastasis ha approfittato dell’occasione per annunciare il suo scopo: “entro la fine di quest’anno (2015) il 3% dell’organico della CAI sarà composto da persone con una diagnosi di autismo”.

Altri esempi

Sono già molte le imprese che si sono ispirate al modello di Specialisterne. Anche Rajesh Anandan, della ULTRA Testing, ha partecipato a questo evento, affermando che incorporare persone con autismo è sempre di più una necessità per continuare ad essere competitivi. La sua impresa, dedicata al software testing, possiede un 80% di persone con autismo, e ha raccolto numerosi dati che confermano come “la produttività delle persone nello spettro dell’autismo nell’individuare errori del software, è tra il 20 ed il 56% maggiore di quella di altre persone”.

E Thomas D’Eri, della Rising Tide Car Wash, ha presentato la sua impresa, composta da 35 persone, di cui la maggioranza è nello Spettro dell’Autismo in gradi diversi, e si dedica al settore dell’automobile.

RamonBernat-UN

Penisola iberica e America Latina

Specialisterne ha avviato la sua attività in Spagna, dove lavorano già 12 persone con autismo o diagnosi simili, e sta proseguendo con fermezza per avviare operazioni in Brasile quest’anno, in linea con il piano di replica mondiale del modello di Specialisterne. Ramon Bernat, membro del Board of directors della Specialisterne Foundation e responsabile delle operazioni di Specialisterne nella Penisola iberica e in America latina, ha affermato nell’intervista andata in onda su Radio ONU, che “tanto in Spagna come in America Latina c’è ancora molto lavoro per fare in modo


Consulta il messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite, il sito web WAAD o la Giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo e il programma del giorno. Oppure guarda il video sul WAAD creato dalle Nazioni Unite per questo giorno.

Puoi anche guardare il video completo dell’evento sulla web tv delle Nazioni Unite.

 

Come contattarci / Seguici

Diffondere i valori di Specialisterne e il nostro obiettivo di rendere possibile un milione di posti di lavoro per le persone con autismo e diagnosi simili è la nostra massima priorità. Seguici su Facebook, LinkedIn, Twitter e Instagram .

Prossimo corso: Dicembre 2018

Il quarto corso di formazione in Italia si svolgerà a Milano e avrà inizio a dicembre 2018

Clicca per i dettagli sulla formazione.