Le Nazioni Unite a supporto delle donne con autismo

Post was published at Le Nazioni Unite a supporto delle donne con autismo by francescsistach in Senza categoria.


Il 2 aprile è stata la Giornata Mondiale di Consapevolezza sull’autismo e il 5 aprile, si è celebrata nella sede di New York delle Nazioni Unite l’evento annuale in commemorazione di questa data. In questa edizione, il tema è stato “Empowering Women and Girls with Autism”, cercando di mettere in luce le sfide affrontate da donne e ragazze con autismo, spesso soggette a doppia discriminazione. Thorkil Sonne, fondatore di Specialisterne, e Tara Cunningham, CEO di Specialisterne USA hanno partecipato a questa giornata ed alla sua pianificazione.

Attualmente vari studi confermano che 1 persona su 68 è diagnosticata con Disturbo dello Spettro Autistico, e all’interno di questo collettivo il tasso di disoccupazione è dell’85%. Inoltre, secondo studi in Europa e negli Stati Uniti di enti come National Autistic Society e i CDC (Centers for Disease Control and Prevention), la diagnosi di Disturbo dello spettro Autistico è più frequente tra gli uomini con un rapporto di circa una donna per ogni 4 uomini diagnosticati.

Varie indagini dimostrano che le imprese stanno perdendo l’opportunità di valorizzare in azienda il talento delle persone con autismo, e soprattutto di quello delle donne, il cui tasso di disoccupazione è notevolmente maggiore rispetto a quello degli uomini. Programmi per il supporto e l’occupazione di donne con autismo sono importanti non solo da un punto di vista sociale, ma hanno un senso anche dal punto di vista economico, dato che queste persone possono apportare molto valore.

Verso una società inclusiva

Durante l’evento, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, ha invitato le imprese e le amministrazioni pubbliche ad impegnarsi a supportare e assumere donne con Disturbo dello Spettro dell’Autismo, sottolineando che queste sono spesso soggette a molteplici forme di discriminazione. Per il raggiungimento di questo obiettivo, considera i programmi di occupazione di persone con autismo all’intero delle aziende come “best practice” da replicare in tutto il mondo.

“Per il raggiungimento di una società inclusiva alla quale aspiriamo, dobbiamo assicurare che i diritti fondamentali sanciti nella Convenzione sui Diritti delle Persone con Disabilità, adottata dagli stati membri alle Nazioni Unite nel 2006, siano conosciuti, rispettati e applicati a tutti, includendo le donne e ragazze con autismo” ha dichiarato Alison Smale, direttrice della comunicazione globale alle Nazioni Unite.

Specialisterne

Come nelle precedenti tre edizioni, Specialisterne ha partecipato a questo evento, parlando del suo modello di inserimento lavorativo di persone con autismo, basato sul mettere a frutto le loro abilità speciali fornendo formazione specifica e un supporto continuo che consenta a molte di queste persone di entrare nel mercato del lavoro in campi specifici del settore IT e in compiti amministrativi.

Tara Cunningham, CEO di Specialisterne USA, è stata la moderatrice del panel “Education, Employment e Economic Empowerment”, nel quale ha intervistato due donne con autismo che rappresentano esempi di successo nel campo dell’educazione e del lavoro.

Un esempio di successo al femminile di Specialisterne è quello di Tara Curry, la quale è riuscita a ottenere una posizione in una importante impresa finanziaria di New York. Credeva che non avrebbe raggiunto i requisiti per la posizione, come spesso succede a molte persone con autismo, ma tra 40 persone candidate è riuscita ad ottenere questo lavoro. Tara racconta come l’autoidentificazione di donna con autismo abbia totalmente cambiato la sua vita in meglio, ed invita tutte le donne con autismo a fare lo stesso per essere comprese e supportate.

Rachel Wilson, studentessa dell’univesità Mercyhurst, sottolinea come il programma a supporto delle persone con autismo all’interno della propria università l’abbia aiutata enormemente nell’accettazione della propria diagnosi, nel fare nuovi amici, e nel sentirsi più sicura di sé.

Testimonianze di donne con autismo

Nell’attuale corso di formazione di Specialisterne Italia ci sono 3 donne con autismo, le quali hanno lasciato una testimonianza della loro esperienza a Specialisterne e di quello che auspicano per le donne Asperger.

Rebecca, afferma che “grazie a Specialisterne non mi sono più sentita sbagliata ma accettata e valorizzata per le mie potenzialità. Ho fatto dei progressi enormi e sto vivendo un momento importante della mia vita di crescita personale e professionale. Vorrei che le donne con Asperger sapessero che non sono sole ma che ci possiamo supportare a vicenda”. Alessia, altra alunna del corso, aggiunge che “Specialisterne è il momento in cui capisci di poter valere qualcosa e che non tutto quello che riguarda l’asperger è negativo, ma che l’Asperger può portarti in posti belli. Specialisterne è come una famiglia ed è una tappa che tutti dovrebbero avere la possibilità di fare. Credo sia questo il posto che aiuterà donne e uomini ad esprimere quello che sono”. E infine Giulia aggiunge che “in una società che ci considera diversi, Specialisterne ci considera specialisti in quello che facciamo. Per questo mi sento accettata e valorizzata per le mie potenzialità”.

A Specialisterne siamo fiduciosi che le 3 donne di questo corso di formazione lavoreranno entro pochi mesi e saranno un esempio per il resto delle donne e uomini con autismo riguardo ciò che possono apportare alla società quando questa da loro una opportunità.

Come contattarci / Seguici

Diffondere i valori di Specialisterne e il nostro obiettivo di rendere possibile un milione di posti di lavoro per le persone con autismo e diagnosi simili è la nostra massima priorità. Seguici su Facebook, LinkedIn, Twitter e Instagram .

Prossimo corso: Dicembre 2018

Il quarto corso di formazione in Italia si svolgerà a Milano e avrà inizio Dicembre 2018

Clicca per i dettagli sulla formazione.